I dati della semestrale 2017 confermano una forte crescita

I dati della semestrale 2017 confermano una forte crescita

I dati della semestrale 2017 confermano una forte crescita
28 Settembre 2017
Aumenta del 49% il valore della produzione.

Il nostro Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati del bilancio semestrale 2017.

Il valore della produzione sale a quota €21.9 milioni, con un aumento del 49%. Crescono tutte le nostre divisioni, in modo particolare Industry, che registra un +27,7% rispetto allo stesso semestre del 2016. Aumentano anche gli investimenti che, dalla nostra fondazione, abbiamo destinato alla nascita e sviluppo di ben 105 imprese innovative distribuite anche sul mercato europeo.

Negli ultimi sei mesi abbiamo inoltre concluso 4 importanti operazioni strategiche che includono l’acquisizione di due scuole (Little English School e English International School) per diffondere il nostro modello formativo, il consolidamento di BigRock, la prima scuola italiana di computer grafica e di visual effect, e l’acquisizione di Celi, società di consulenza digitale torinese specializzata nell’intelligenza artificiale e nel machine learning.

Il cuore del nostro progetto continuano a essere le persone: da inizio anno, contiamo quasi 90 nuovi "farmer" che oggi lavorano nelle nostre cinque sedi distribuite in tutta Italia, e che contribuiscono a costruire il futuro che abbiamo immaginato.

Ha dichiarato il nostro fondatore Riccardo Donadon:

"Dopo un 2016 di consolidamento della nuova strategia, in questa prima metà del 2017 abbiamo lavorato per portare a compimento una serie di operazioni straordinarie funzionali a raggiungere il traguardo che ci siamo prefissati: superare le aspettative di mercato e anticipare di un anno i risultati previsti dagli analisti.
I numeri, che corrispondono al nostro impegno, sono molto positivi: questi primi sei mesi si sono conclusi con un valore della produzione pari a 21.9 milioni di euro, vale a dire una crescita del 49% rispetto alla semestrale dell'anno precedente, trainata dalla divisione Industry che ha segnato un aumento del 27% in termini di fatturato e dai primi ottimi segnali dalla divisione Education che, anche in questo caso, sono superiori alle previsioni.
L’Ebitda risulta ancora negativo, seppur in netta diminuzione ed entro limiti previsti di cui siamo consapevoli, considerato l'importante investimento in corso nella costruzione di un modello formativo moderno, altamente digitalizzato e replicabile. In questo primo semestre abbiamo effettuato importanti investimenti per allargare la base di studenti e consolidare il nostro modello di business attraverso una serie di operazioni. Per quanto riguarda Education abbiamo acquisito tre scuole di alto livello: la Little English School di Vicenza, l'English International School di Rosà (VI) e BigRock, il primo e più importante training center italiano focalizzato su temi ad altissimo sviluppo come AR e Virtual Reality; abbiamo inoltre fondato, insieme ad una cordata di imprenditori locali, una nuova H-International School a Monza.
L’offerta dei servizi a supporto delle aziende è stata ampliata con l'acquisizione di tecnologia attraverso Celi, il centro di ricerca di Torino leader nel campo del machine learning e dell'intelligenza artificiale.
Le acquisizioni e le assunzioni ci hanno portato a crescere in maniera importante nei primi sei mesi dell’anno, facendoci raggiungere quasi le 500 persone impiegate che oggi lavorano nelle nostre cinque sedi distribuite in tutto il territorio nazionale.
Numeri importanti a cui si aggiungono quelli degli studenti che popolano il nostro Campus: abbiamo infatti inaugurato quest'anno scolastico con 800 alunni e pochi giorni fa sono iniziate le lezioni del primo corso di Laurea in Digital Management, ad oggi unico in Italia in classe di Management, realizzato con Ca' Foscari, l'ateneo veneziano di cui oggi siamo una succursale a tutti gli effetti. Il corso è partito in overbooking con oltre 200 candidature che hanno dato spazio a 81 studenti a dispetto dei 60 che avevamo preventivato. Come previsto il risultato netto dell’esercizio permane sostanzialmente negativo, ma nelle prossime settimane sono previste importanti novità sul fronte delle partecipazioni, che racconteremo presto al mercato, che miglioreranno la nostra “ultima riga” a fine anno.
Il portafoglio delle partecipazioni è in gran movimento: sono molte le iniziative con respiro europeo a cui abbiamo partecipato nei primi sei mesi dell’anno. In alcune di queste abbiamo ottenuto exit in pochissimi mesi, portando a casa un risultato di 2.5 volte l’investimento iniziale. Ci sono inoltre diversi progetti su cui riponiamo molta fiducia sia nell’ambito dell’Industry 4.0 che sul tema del AI e del Machine Learning.
Ultima nota positiva degli ultimi giorni è la firma del presidente Zaia sul decreto regionale che applica l’articolo 32 “Interesse strategico Regionale” allo sviluppo del nostro campus in collaborazione con Cattolica Assicurazioni e Cassa Depositi e Prestiti.
Vediamo dunque la concreta possibilità di chiudere sopra le aspettative il 2017, anno che per noi conclude un biennio di investimenti dei capitali raccolti in IPO dopo la transizione da un modello di investitore dei primi 10 anni ad un modello industriale. Piano che vedrà dall’anno prossimo, nel piano triennale 18-19-20 (in via di definizione), la progressiva conversione di valore in tutte le aree interessate."

Puoi consultare la semestrale 2017 qui.